Motociclisticamente parlando, anche la pianura può a volte riservare piacevoli sorprese; è il caso del nostro itinerario ambientato tra i fiumi Oglio e Po.
Belle strade secondarie alle spalle delle arterie principali così ci tuffiamo in un dedalo di percorsi che attraversano queste interessanti zone.
Possiamo anche seguire la “Strada dei Vini e Sapori Mantovani”. Un marchio che promette bene!
La Strada è pure ben segnalata con gli appositi cartelli.

Saltiamo in sella!
Sabbioneta, “la piccola Atene dei Gonzaga”, è il nostro punto di partenza.
Il centro di Sabbioneta, da visitare assolutamente, è racchiuso dall’antica cinta muraria, molto ben conservata, dalla struttura esagonale a forma di stella, e conta di due accessi : Porta Vittoria, la più antica, e Porta Imperiale. Lasciamo questo interessante centro, con le sue caratteristiche vie dal fondo stradale ora lastricato ora con ciottolato, così testiamo le sospensioni della nostra moto!
Raggiungiamo Commessaggio, un piccolo borgo che ha mantenuto il suo disegno medioevale, che ci accoglie con il suo possente Torrazzo e il caratteristico ponte di barche sul canale Navarolo.

Immersi nella natura
In questa parte di itinerario ci immergiamo nella natura e nel verde del Parco dell’Oglio; in quel paesaggio rurale caratterizzato da strade che seguono i confini degli appezzamenti, tanto gradevoli da percorrere in moto.
Da Bocca Chiavica la strada passa vicino al fiume Oglio per alcuni tratti; qui il consiglio è di viaggiare con il classico “filo di gas”, per poter ammirare gli ambienti naturali tipici quali zone umide, golene, boschi riparali. Qui non è raro, nella stagione giusta, osservare aironi e garzette. Al bivio per San Matteo, si svolta in direzione Mantova, per andare a scoprire un altro ponte di barche molto suggestivo da attraversare in moto.

Lasciamo il fiume Oglio per raggiungere il grande fiume padano: il Po. Arriviamo a San Matteo, con la sua centrale termoelettrica che costituisce un eccezionale esempio di architettura industriale dei primi del Novecento, poi raggiungiamo Dosolo e subito dopo Pomponesco.

Dall’acqua al vino. Attraversiamo le suggestive e tranquille campagne giungendo nei dintorni di Viadana, dove i vigneti iniziano a essere sempre più presenti. Qui troviamo anche altri prodotti caratteristici di questo territorio come lo spettacolare melone di Viadana e la dolce zucca.
Questa è comunque la leggendaria terra del Lambrusco Mantovano e della strepitosa cucina mantovana, come i famosi tortelli di zucca…che ne dite di una sosta?

Indirizzi utili e qualche “dritta”
www.mantovastradaviniesapori.it
www.comune.sabbioneta.mn.it, www.sabbioneta.org
-Bottega antiquariato Conte Moretti Piazza Ducale, Sabbioneta.
-Cantina sociale di Viadana, www.cantinaviadana.it
-Hotel-ristorante Europa Simonazzi, Viadana.
-Osteria Valle, Casalmaggiore-Viadana. www.osteriavalle.com

In collaborazione con Mototurismo

Vuoi leggere l'articolo completo?
ACCEDI O REGISTRATI ED ENTRA NEL MONDO THE CLAN

oppure TORNA ALL'HOME PAGE